Come educare il cucciolo a stare a casa da solo

di Simona Cannas   .   13/11/2013

Un po' di solitudine, se gestita bene, non può che rafforzare il carattere del nostro cane

Come educare il cucciolo a stare a casa da solo

L’ansia da separazione è un disturbo che si caratterizza per una serie di sintomi ansiosi che il cane mette in atto quando si trova da solo, o quando è lontano dal suo proprietario o dal suo gruppo sociale.

Il cane con questo problema può abbaiare, ululare, piagnucolare, distruggere e sporcare in casa quando rimane solo. La sintomatologia può essere anche più varia: il cane può arrivare a leccarsi o mordicchiarsi insistentemente fino a ferirsi e, nei casi più gravi, può procurarsi notevoli danni nel tentativo di scappare dal luogo in cui è tenuto. 

leggi anche... Come insegnare al cane a non fare danni in casa

Fattori di rischio
Esistono dei fattori di rischio che predispongono allo sviluppo dell’ansia da separazione, come:

  • l’attaccamento patologico al proprietario
     
  • le esperienze negative vissute dal cucciolo in età precoce
     
  • l’allontanamento prematuro dalla madre
     
  • le esperienze traumatiche vissute quando il cane era da solo
     
  • i cambiamenti a livello familiare e il trasferimento in un'altra famiglia.

Inoltre potrebbe essere presente una predisposizione genetica, in quanto le diverse razze sono state selezionate per avere dei soggetti socialmente dipendenti dall’essere umano. L’ansia da separazione non ha limiti d’età e spesso si presenta in soggetti molto giovani e anche nei cuccioli.

Attaccamento eccessivo
Si è vista una maggior frequenza dell’ansia da separazione nei cani provenienti dal canile o nei “trovatelli” nei quali le esperienze passate possono sicuramente aver giocato un ruolo fondamentale. Si è soprattutto notato che il problema si accentua in tutti i cani che manifestano un attaccamento eccessivo al proprietario, quelli cioè che tendono a seguirlo ovunque, a stargli sempre addosso e che sono invitati o sostenuti nel farlo dai proprietari stessi. Per questo è molto importante abituare il cucciolo fin da subito a una certa indipendenza e autonomia. 

Educare all’indipendenza
Quando il cucciolo arriva a casa, per lui è tutto nuovo e sconosciuto: per questo sviluppa dei nuovi legami di attaccamento con i proprietari che diventano il suo punto di riferimento. Questo attaccamento è normale e necessario, ma non deve raggiungere dei livelli tali per cui il cucciolo risulti totalmente dipendente dal proprietario.

Innanzitutto occorre considerare che tutti i comportamenti (corretti e scorretti) che il cucciolo mette in atto e che vengono premiati (per premio si intende anche solo un’attenzione del proprietario) tenderanno a ripetersi

La cuccia
I primi giorni sono fondamentali. Diciamo subito che è utile dedicare al cucciolo solamente una zona circoscritta della casa (per esempio la cucina), dove verranno posizionati la cuccia, le ciotole e i suoi giochi. Questo luogo deve essere visto dal cucciolo come il posto più bello dove poter stare.

  1. Per farglielo apprezzare maggiormente è importante cercare di concentrare qui le attenzioni e i momenti di gioco che si faranno con lui.
     
  2. È bene abituare il cucciolo, fin dalla prima notte, a rimanere da solo in questa zona:
  • Si può provare a lasciargli nella cuccia una borsa d’acqua calda e una sveglia (questo ricorderà al cucciolo il calore e il battito del cuore della madre). Così, pian piano, la cuccia deve diventare un punto di riferimento. 
     
  • È essenziale che non diventi mai il luogo in cui viene mandato per punizione, ma rappresenti sempre un posto gradito dove poter stare tranquillo. 
leggi anche.... Capire e combattere l'ansia da separazione del cane

Non rinforzare i cattivi comportamenti
Proprio perché, ogni comportamento che viene rinforzato tende a ripetersi, ogni volta che il cucciolo piange o abbaia, bisogna evitare di consolarlo: piuttosto è necessario ignorarlo completamente (non andare da lui, non parlare con lui, non prenderlo in braccio ecc.). Però, appena il cucciolo si mette tranquillo è importante andare da lui e gratificarlo con una coccola, o con un premio in cibo, con un gioco, ecc. 

Abituare alla solitudine
È fondamentale cercare di insegnare al cucciolo che ogni tanto deve stare per conto suo, anche durante il giorno in presenza del proprietario. L’abitudine a stare solo deve essere introdotta in modo graduale e comincia proprio con l’evitare di guardare continuamente il cane e di rispondere a tutte le sue richieste di attenzione.

Più volte al giorno è utile chiudere la porta della stanza dove si trova il cucciolo. Per riaprirla quando il cucciolo è tranquillo, o lasciarla chiusa se si agita e piange. Infatti, se apriamo la porta nei momenti in cui il cane si lamenta, non faremo altro che dare un premio al cane per essersi agitato.

Piuttosto:

  1. Se il cucciolo dovesse piangere, si può aspettare ad aprirgli la porta fino a quando smette o nel momento in cui fa una pausa fra un pianto e l’altro
     
  2. Se invece il cucciolo rimane tranquillo, quando si riapre la porta è importante premiarlo con le carezze o con la voce.
     
  3. È inoltre necessario non permettere al cucciolo di seguirci ovunque. Per esempio, quando andiamo in bagno, bisogna chiudere la porta del bagno per far sì che non possa entrare. In questo modo impara in maniera graduale a essere indipendente
     

Vuoi ricevere altre informazioni utili per la cura del tuo pet?

Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter!

Ogni settimana interessanti articoli su malattie, alimentazione, comportamento ed eventi!

A casa da solo
 

Una volta che il cucciolo si è ambientato, dobbiamo abituarlo gradualmente a rimanere da solo in casa. Inizialmente sono sufficienti pochi minuti, poi si deve aumentare gradualmente questo periodo di tempo.

In questi casi è bene confinare il cane nella zona dove si trova la sua cuccia, eventualmente lasciandogli un gioco che gli piace particolarmente e che avrà solo in questa occasione. È di fondamentale importanza uscire di casa senza dare al cucciolo troppe attenzioni.

Perciò, prima di uscire, chiamiamolo vicino alla sua cuccia, chiediamogli di mettersi seduto e diamogli il suo gioco “speciale”. Dopo di che usciamo di casa senza dire niente: come se andassimo semplicemente in un’altra stanza. In questi momenti, in realtà, viene spontaneo consolare il cucciolo con frasi tipo “fai il bravo”, “torno subito”, ecc., ma questi sono atteggiamenti che enfatizzano la separazione.  

Il rientro a casa
Se al nostro rientro verifichiamo che il cucciolo, durante la sua assenza, è rimasto tranquillo, dobbiamo gratificarlo con molte carezze e parole d’approvazione. Nel caso invece in cui abbia avuto un comportamento ansioso (es. ha distrutto oggetti, ha pianto o abbaiato, ecc.), al rientro non dobbiamo punirlo perché ciò indurrebbe nel cucciolo una forte sensazione di ansia, peggiorando la situazione. Infatti il cane non è in grado di associare una punizione a un comportamento se è passato troppo tempo da quando lo ha manifestato: il cane riceve una punizione ma non capisce perché.  

I consigli del veterinario

  • È importante accarezzare, coccolare, dare bocconcini e giocare con il cucciolo quando si dimostra tranquillo e indipendente (quando cioè non è lui a chiedere di interagire), o dopo che ha obbedito a una nostra richiesta (per es. se arriva dopo essere stato chiamato per nome, se si siede quando gli viene chiesto, ecc.).
     
  • Inoltre, più volte al giorno, quando il cucciolo è tranquillo o si comporta correttamente, diciamogli che è bravo, o premiarlo con una carezza o un bocconcino.

 

1 commenti
daniela capuano   |   data: 30 Ottobre 2014, 8:29

salve, abbiamo preso domenica una cucciola meticcia di quasi 2 mesi...i due mesi li fa il 7 novembre. ho difficolta a lasciarla sola in quanto piange molto,ma sotto casa ho l ufficio e per questo qualche volta caoita che devo sostituire il mio ragazzo in ufficio... mi muore ilcuore a sentirla piangere.. come posso abituarla a stare da sola?in modo che sia tranquilla anche quando noi non siamo presenti?ho provato di tutto..

Argomenti e articoli correlati