La dieta del cane sportivo: energia in giuste dosi

di Giuliana Piccolo   .   03/04/2014

Quanto l'attività fisica diventa intensa, serve un buon apporto energetico, ma anche delle modalità corrette di somministrazione dei pasti.

La dieta del cane sportivo: energia in giuste dosi

I cani lavorano al fianco dell’uomo, aiutandolo nella gestione delle greggi, trainando le slitte, collaborando con le forze dell’ordine, impiegati nella ricerca dei dispersi dopo terremoti o valanghe. Il livello di attività fisica e la routine quotidiana alla quale sono sottoposti variano con il variare del genere di lavoro. In generale, tutti i cani che lavorano presentano un fabbisogno energetico superiore a quello dei cani adulti nel periodo di normale mantenimento.

Leggi anche: Il cane può bere solo acqua o anche altre bevande?

Intensità e durata dello sforzo

In base alle esigenze energetiche dell’animale può essere necessario variare sia la composizione dei nutrienti presenti nella dieta sia il regime quotidiano di alimentazione. Il fabbisogno energetico dipende dall’intensità e dalla durata dello sforzo e dalle condizioni ambientali nelle quali esso avviene. Per esempio, mentre i levrieri sono impegnati in gare ad alta velocità brevi ma intense, i cani da slitta lavorano trainando la slitta per ore, a velocità ridotta.

L’importanza del clima

In generale, si reputa che le richieste energetiche aumentino tra 1,5 e 2,5 volte il fabbisogno di mantenimento quando il lavoro viene svolto a temperatura ambiente. Se lo sforzo si compie in un clima freddo, il fabbisogno può aumentare anche del 50%. I cani da slitta che trainano nei climi freddi sono considerati i cani da lavoro a maggior dispendio energetico. Dati recenti affermano che un cane da slitta in gara in terreno piano in Alaska spende tra le 9000 e le 10000 Kcal al giorno.

Tante piccole porzioni

Tuttavia anche altre attività prolungate, anche se meno avventurose, inducono un consumo energetico superiore alla norma: la guardia, fare esercizi di agilità, fare jogging con il proprio padrone, la rincorsa del postino o del gatto del vicino, ed altre ancora. L’alimentazione dei cani sottoposti a sforzi fisici deve ridurre al minimo la distensione gastrointestinale durante il lavoro.

I cani andrebbero alimentati con piccole porzioni più volte al giorno, e il pasto più grande andrebbe offerto alla fine della giornata lavorativa. Una quantità adeguata di acqua è fondamentale, forse anche più del cibo ad elevato contenuto energetico.

Dosi misurate e specifiche

Nell’alimentazione di un cane in attività è molto importante valutare l’intensità del dispendio energetico, per coprire i fabbisogni al meglio, ma anche evitare di alimentare il proprio beniamino in eccesso. Gli alimenti in commercio indicati per sostenere le prestazioni fisiche elevate sono ricchi in energia e molto appetibili. La somministrazione eccessiva o la scelta di questi alimenti per cani che non lavorano abbastanza intensamente può portare alla perdita della forma fisica e all’obesità.

Per chi fa sport cinofilei

Se intendiamo sottoporre il nostro cane ad attività sportiva, anche solo a scopo ludico, come agility, flyball e altro, dobbiamo sempre curare un approccio graduale all’attività e, comunque, mantenere il cane costantemente allenato. Un cane, anche se sano e in piena salute, se sottoposto a sforzi intensi e improvvisi può infatti andare incontro a problemi di salute anche gravi, come l’arresto cardio-circolatorio, traumi articolari ecc.

Leggi anche: Il cinofitness, divertirsi in modo sano con il proprio cane

I consigli del veterinario

  • Le attività prolungate (guardia, agility, jogging con il proprio padrone, gioco continuato) inducono un consumo energetico superiore alla norma: in questi casi è necessario fornire alimenti molto digeribili, ricchi di calorie e di lipidi.
     
  • Ricordiamoci di:
  1. permettere l’accesso costante all’acqua fresca e pulita;
  2. somministrare due o più pasti al giorno in porzioni controllate;
  3. dare il pasto più abbondante alla fine della giornata lavorativa;
  4. somministrare un pasto da una mezz’ora a due ore prima dello sforzo fisico;
  5. somministrare piccole quantità di cibo durante lo sforzo fisico.
0 commenti

Nessun commento per questo articolo.
Argomenti e articoli correlati