Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Il mio cane si gratta, perché?

di Chiara Noli   .   24/09/2013

Il prurito è uno dei fastidi più diffusi e spiacevoli, che possono compromettere pesantemente la qualità di vita del cane e del suo proprietario.

Il mio cane si gratta, perché?

Un’infinità di motivi per grattarsi
Per arrivare a fondo del problema, occorre la pazienza di cercare la causa e la costanza di seguire tutte le cure indicate. Si gratta, si lecca o si mordicchia continuamente il pelo, si strofina o scuote la testa (gli prudono persino le orecchie). Il nostro amico indubbiamente soffre di prurito. Ma qual è la causa?

I motivi possono essere tantissimi. Indubbiamente i più comuni sono quelli di natura allergica. Malattie come la dermatite atopica, l’allergia alimentare o l’allergia al morso delle pulci rappresentano le cause “numero uno” di quella insopportabile sensazione che è il prurito.

Vuoi saperne di più di allergie e intolleranze alimentari?

Ma, oltre alle allergie cutanee, le cause di questa fastidiosa sensazione sono svariate e vanno dalle malattie su base autoimmune, ai tumori, alle infezioni. Per arrivare a disordini generali, come il diabete o l’insufficienza renale, che, attraverso meccanismi non ancora perfettamente chiariti, si accompagnano ad una diffusa e persistente sensazione di prurito.

Occhio a non varcare “la soglia”
Il prurito viene percepito solo quando il cane supera la cosiddetta “soglia del prurito”: un limite, assolutamente soggettivo, fino al quale l’animale riesce a tollerare, senza grattarsi, gli stimoli potenzialmente in grado di provocare prurito. Se questa soglia è bassa, l’animale si gratterà anche per stimoli molto lievi (ad esempio, se la sua pelle è secca). Viceversa, se la soglia è alta, serviranno intensi stimoli di prurito perché il nostro amico cominci a grattarsi.

Al superamento di questa fatidica soglia concorrono svariati fattori che, oltre alle classiche allergie (es. alimenti, parassiti), comprendono la secchezza cutanea, lo stress, le infezioni, le alte temperature o il contatto con l’acqua. Se presenti contemporaneamente, questi fattori sommano i loro effetti e, determinando il superamento della fatidica “soglia”, scatenano l’impulso a grattarsi.

Un sintomo in cerca di causa
Il prurito è solo un sintomo, per cui, per liberarsene, è sempre necessario ricercarne la causa, nella ricerca spesso complessa, è il proprietario che fornisce le notizie che possono aiutare il veterinario.

Le notizie fornite a volte possono essere fuorvianti, in quanto valutazione soggettiva per cui il prurito può venir sottovalutato se il proprietario passa poco tempo con l'animale e non lo osserva nei momenti di solitudine; o, viceversa, può essere sopravvalutato se il proprietario è apprensivo o esasperato.

Vuoi saperne di più sulle dermatiti che colpiscono il cane?

Le evidenze
Per ovviare a  questo, è fondamentale concentrarsi sui segni di “autotraumatismo” che il cane si provoca con il continuo grattamento o mordicchia mento. Le escoriazioni, le zone con peli radi e spezzati, le croste brune formate da sangue secco, la presenza di residui di pelo nelle feci o tra gli incisivi e le gengive.

Importante anche la colorazione brunastra del pelo delle zampe o dell’area genitale che, specie nei cani con il mantello di colore chiaro, è indicativa di leccamenti continui e costanti.   

Indizi importanti
Per arrivare il più velocemente a una corretta diagnosi fondamentale sono le domande che il proprietario deve porsi e porgere al veterinario (anamnesi)
A che età è cominciato il prurito? Dov’è localizzato? Da quanto tempo dura? È sempre presente o compare solo in un periodo specifico?

Da dove arriva il cane da un  negozio o da un allevamento? È stato di recente in pensioni o canili? Vive in casa o all’aperto? Ci sono altri animali in casa? Recentemente, è stata variata la sua dieta? Domande semplici, ma indispensabili per orientarsi quanto prima verso la causa più probabile del prurito.

Qualche esempio
Un cucciolo dai 3 ai 6 mesi di età con prurito localizzato al muso, alle ascelle o alla zona addominale è molto probabile che soffra di allergia alimentare. Ma se il prurito ha una comparsa stagionale, allora è più facile che soffra di una forma atopica. Un cane adulto con prurito di vecchia data orienta verso una situazione allergica.

Se poi questo prurito è stagionale e si localizza prevalentemente alla base della coda, sulle cosce e sull’addome, è molto probabile che la diagnosi sia quella di allergia al morso delle pulci.       

Vuoi saperne di più sulle infestazioni da pulci e sulle altre parassitosi

Trattamento: una scelta orientata al problema
La terapia ideale è, quella di eliminare le situazioni che scatenano il prurito.
Trovare, per esempio, una dieta che escluda l’alimento incriminato in caso di allergia alimentare; eseguire un’opportuna profilassi anti-parassitaria, in caso di parassitosi o allergia alle pulci; optare per “terapie desensibilizzanti” di fronte ad un soggetto atopico, allergico cioè a molte sostanze presenti nell’ambiente.

Molto spesso non si arriva all’identificazione di un’unica causa specifica. Le allergie possono coesistere tra di loro e la comparsa di complicanze, generalmente infettive, può ridurre anche i rari periodi di remissione tra una crisi pruritogena e l’altra. È quindi importante trovare delle soluzioni terapeutiche che siano in grado di calmare la sensazione di prurito, da una parte, ma che siano il più sicure possibile anche se usate tutti i giorni e per lunghi periodi di tempo, dall’altra.

Solitamente si ricorre agli immunosoppressori e ai cortisonici, magari in combinazione con antistaminici ed acidi grassi. Si tratta, però, di terapie accompagnate da effetti collaterali, anche gravi, che prima o poi sono destinati a comparire.

Terapie cortisoniche
Le terapie cortisoniche, inoltre tendono a funzionare sempre meno con il passare del tempo, per cui si è costretti a ricorrere a dosaggi più elevati e ravvicinati, che causano reazioni avverse da non sottovalutare. In queste situazioni, possono essere di aiuto sostanze naturali (es. aliamidi) che coniugano la sicurezza d’impiego agli effetti anti-prurito che possono rivelarsi un’utile alternativa alle terapie cortisoniche nei casi di prurito di lieve e media entità.

Nei casi più gravi invece possono coadiuvare e potenziare l’azione delle terapie classiche, consentendo la riduzione delle dosi e dei tempi di somministrazione. Sarà comunque il veterinario a scegliere lo schema terapeutico più adatto, a seconda della causa che ha scatenato il prurito e della gravità di questo sintomo.

I consigli del veterinario

  1. Nel cane, il prurito ha tante cause. La prima cosa da fare è collaborare con il veterinario di fiducia per identificare quanto prima quelle più probabili. Sarà necessario affrontare visite ed esami specifici e cercare di fornire al veterinario informazioni più dettagliate possibile sull’ambiente e lo stile di vita del tuo amico a 4 zampe.
  2. È importante trattare il cane con una regolare profilassi anti-pulci, estesa a tutti gli animali di casa, diminuendo le possibili cause di prurito.
  3. Nel caso di prurito di origine alimentare, è da seguire scrupolosamente la dieta indicata dal veterinario, appositamente formulata.
  4. È molto importante rispettare la periodicità delle visite di controllo, occasioni uniche per rivalutare la situazione complessiva del cane, valutare l’insorgenza di possibili complicanze (es. infezioni, otiti) ed adattare a queste nuovi protocolli di terapia.

 

2 commenti
Petsandthecity Redazione   |   data: 10 Gennaio 2014, 11:14

Buongiorno Paola, ti consigliamo di porre la tua domanda al nostro vet online, appena possibile ti farà avere la risposta, in bocca al lupo!

PAOLA MARGHERITINI   |   data: 10 Gennaio 2014, 11:06

Buongiorno, questo articolo mi interessa molto in quanto dopo ferragosto abbiamo accolto in casa una cucciola di barbone toy/nano presa in un allevamento che, abbiamo scoperto in seguito, presentava un otite da muffe solo ora sembra definitivamente sconfitta. A partire da settembre direi, la cucciola che oggi fa sette mesi ha iniziato a grattarsi soprattutto sul dorso, sotto le ascelle, alle orecchie, il tutto sempre più incrementato nel tempo. Ora ha aggiunto anche il mento....Abbiamo pensato alla pettorina ma lo fa anche senza. Ad ogni suo risveglio comincia l'incessante grattamento, a volte mentre cammina al guinzaglio o mentre gioca insomma in qualsiasi situazione. Per fortuna non ha lesioni e neanche un singolo escremento di pulce. Il veterinario sospettando un'allergia alimentare e volendo evitare il cortisone alla cucciola, mi ha fatto cambiare le crocchette, anche se di ottima qualità, con quelle di tipo anallergico, per così dire, di un altro marchio importante. Si è fatto gennaio non abbiamo visto nessun miglioramento se non nella settimana in cui è uscita molto meno per il post operatorio della sterilizzazione. Non sappiamo più che pesci prendere. Consigli?? Siamo preoccupati. Grazie in anticipo. Paola

Argomenti e articoli correlati